Blockchain tra palco e realtà …

Occhi-di-gatto-su-sfondo-nero

Mentre pensavo a quanto stavo per scrivervi, mi è venuta in mente una metafora perfetta, che descrive l’atmosfera creatasi intorno alla Blockchain in questi ultimi giorni… notte fonda e tanti occhi di gatto che sbirciano alla ricerca di qualcosa.
Beh, in effetti, è proprio così e, ai tanti annunci su come la Blockchain potrebbe risolvere i problemi di questo o quel settore, spesso, non seguono ulteriori sviluppi. Ecco perché, recentemente, si leva sempre più alto il coro degli scettici, che da un palco o dalle colonne di un giornale spara cannonate che neanche un cacciatorpediniere americano.
Come riportato da un articolo di PYMNTS.com, l’ormai 88enne Warren Buffett, sicuramente tra i più grandi imprenditori e value investor di sempre, afferma che le crypovalute sono “veleno per topi al quadrato”. Al coro si è aggiunto, di li a poco, Bill Harris, founding PayPal CEO, il quale ha affermato che “i bitcoin sono una truffa”. Anche Martin Walker, director of the management think tank Center for Evidence-Based Management, ha voluto essere della partita dichiarando che la Blockchain è comparabile a “pixie dust and magic wands”.
Direi che la hit parade può terminare qui. Per quanto mi riguarda, sono sempre più convinto della bontà e della validità tecnologica della blockchain, con tutti i se ed i ma del caso … non passa infatti giorno che la blockchain sia chiamate in causa per risolvere i problemi legati ai pagamenti cross border, alla identificazione dei migranti, dalla gestione delle controversie condominiali alla temporizzazione dei semafori nelle grandi città e questo non fa bene a nessuno, soprattutto a chi sta studiando, cercando di realizzare delle soluzioni vincenti. Ci sarebbe bisogno di un automatismo che faccia “scendere la notte” per qualche tempo su queste discussioni, lasciando quegli occhi di gatto, di cui vi parlavo all’inizio di questo breve articolo, a cercare di vedere qualcosa, lasciando lavorare le grandi imprese, le Fintech e gli OTT dell’IT, per poi riaccendere improvvisamente i riflettori… Stay tuned !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...