Road to Rugby World Cup 2019 #14 The Star-Spangled Banner !

usa_rugby

“Vincere con modestia e perdere con leggerezza: questo è il marchio di un grande rugbista” (Anonimo)

La RWC2019 è giunta alla vigilia dei quarti di finale ed il nostro viaggio è arrivato alla quattordicesima tappa : USA !
L’inno nazionale americano è il famosissimo “The Star-Spangled Banner”, ovvero “la bandiera adorna di stelle”. E’ frutto dell’incontro del testo, la poesia “The defence of Fort McHenry”, scritta nel 1814 da Francis Scott Key, e la musica di una canzone popolare “To anacreon in heaven”, scritta dal compositore inglese John Stafford Smith. Leggenda vuole che Key, spettatore di una battaglia tra inglesi ed americani, nel porto di Baltimora, vide resistere Fort McHenry, eretto proprio a difesa del porto, ad un violentissimo ed ininterrotto bombardamento inglese; ad ispirarlo nella composizione della lirica, fu proprio la bandiera americana issata sul forte, una enorme bandiera di 9 metri per 12, issata in luogo della precedente, ormai lacerata dai colpi dell’artiglieria inglese, che lui scorse all’alba dopo un’intera notte di combattimenti. La particola resistenza degli americani costrinse al ritiro le truppe inglesi e la bandiera di cui parliamo è ancora oggi conservata al museo Smithsonian di Washington. Ed è proprio a questa bandiera sventolante alle prime luci del giorno che è dedicata la prima strofa dell’inno che termina con la frase “O say, does that star-spangled banner yet wave, O’er the land of the free and the home of the brave ?” . La lirica, dopo essere diventata la colonna sonora dell’alzabandiera, prima della Marina Militare e poi della Casa Bianca, divenne ufficialmente l’inno americano nel 1931, grazie ad un atto dell’allora presidente Herbert Hoover. La bandiera adorna di stelle, così come la battaglia di Fort McHenry, sono tra i miti fondativi americani e ne viene data una grandissima enfasi in tutto il testo scritto da Key.
La nazionale americana di rugby è soprannominata “The Eagles” e proprio l’emblema di un’aquila stilizzata fa bella mostra sulle maglie dei rugbysti statunitensi. Attualmente, nel ranking mondiale, gli Stati Uniti occupano la posizione n. 17. Nella fase a gironi della RWC2019 hanno incontrato Inghilterra, Argentina, Francia e Tonga, perdendo tutte le partite.
Seguendo questo link potrete gustarvi una versione di The Star-Spangled Banner eseguita proprio nel corso della RWC2019.
Continuando a parlare del torneo, a causa del passaggio del tifone Hagibis, sono state annullate alcune partite dell’ultima giornata della fase a gironi: Italia-Nuova Zelanda, Namibia-Canada e Inghilterra-Francia (tutte ininfluenti per il passaggio ai quarti di finale). La grande sorpresa del torneo, promosso con merito ai quarti di finale, è il Giappone, capace di inanellare quattro vittorie su quattro partite giocate, mettendo in riga Irlanda, Scozia, Samoa e Russia. Gli accoppiamenti per i quarti di finale sono : Inghilterra-Australia e Nuova Zelanda-Irlanda, che si giocheranno sabato 19 ottobre (in mattinata per noi ed in diretta sulla RAI), Galles-Francia e Giappone-SudAfrica, che si giocheranno domenica 20 ottobre (sempre in mattinata, sempre in diretta sulla RAI).

A prestissimo e … mai paura !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...