Contributi governativi, Crif&Strands ed una piccola riflessione

EUT_2QQXgAcTk3d

Torniamo ancora, per qualche aggiornamento, sui contributi governativi COVID19 che i governi delle varie nazioni impattate stanno per erogare ai propri cittadini; della situazione in USA abbiamo già detto e non vorrei infierire troppo, e allora parliamo di Cina … beh li non ci hanno pensato una attimo : un bel voucher inviato su WeChat, da poter spendere dove si vuole con l’obiettivo duplice di aiutare i cittadini e provare a risollevare l’economia. L’equivalente di circa 1,5M di euro sono stati distribuiti tramite questo sistema ed i voucher possono essere utilizzati per acquisti food&beverages, sport, libri ed altre categorie. Un altro esempio di come il digitale può facilitare la risoluzione di problemi pratici non di poco conto. E qui in Italia ? Gli aiuti saranno veicolati tramite le banche, ed ABI ha dato la disponibilità per negoziare un accordo attraverso il quale le banche anticiperanno le somme ai cittadini in attesa che arrivino i versamenti dall’INPS (all’orizzonte c’è l’ipotesi di un’apertura di credito a tempo pari al valore del contributo spettante); diciamo che siamo messi un pò meglio degli nipotini dello zio Sam ma ancora ad anni luce dalla Cina.

E’ di oggi la notizia di una importante acquisizione in tema Fintech: Crif, società italiana specializzata in sistemi di informazioni creditizie e servizi di outsourcing e processing di soluzioni per il credito, ha acquisito l’americana Strands, fintech specializzata in soluzioni avanzate di digital banking. Da questo matrimonio, probabilmente, nascerà un soggetto in grado di fornire soluzioni integrate di access to account (aggregazione di conti), personal e business financial manager che verrano offerte a banche ed istituzioni finanziarie al fine di accorciare i tempi di transizioni da banche analogiche a banche digitali. Ne sentiremo parlare molto …

Per chiudere vi segnalo che da ieri (disponibile da oggi su RaiPlay), è iniziata la nuova stagione di Lessico, Lessico Civile, di e con Massimo Recalcati, che ha come temi il confine, l’odio, l’ignoranza, il fanatismo, la libertà; mai come ora sento (ma spero che lo sentiate anche voi), il bisogno di riflettere su questi fenomeni collettivi contemporanei.

“Gli esseri umani sono ossessionati dalla sicurezza, tanto da cedere libertà di pensiero. Per superarla dobbiamo osservarla e riconoscerla in quanto umana. Se la demonizziamo non riusciremo ad introdurre una versione differente del confine” (M.Recalcati)

A prestissimo e … mai paura !

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...