L’argento di Revolut, i nuovi prodotti di TransferWise e le carte di pagamento biometriche

Foto di tookapic da Pixabay

“Non è oro tutto quel che luce, il proverbio te lo dice. Molti han perso l’esistenza mirando all’apparenza. Racchiude vermi il dorato legno…” (W.Shakespeare – Il Mercante di Venezia – Atto II Scena VII)

I responsabili marketing di Revolut devono aver riletto Il Mercante di Venezia ultimamente e, a questa frase di Marocco, deve essersi accesa la fatidica lampadina : “E se, oltre all’oro, rendessimo possibile ai nostri clienti l’acquisto di argento ?; detto fatto ! Da qualche giorno tutte le tipologie di utenti Revolut, possono acquistare il metallo lucente direttamente dalla app. Oltre ad acquistare i due metalli preziosi (l’acquisto di oro era già stato lanciato qualche mese fa), gli utenti possono anche effettuare scambi degli stessi, che verranno regolati al cambio vigente al momento dell’operazione e l’importo relativo potrà essere convertito in Euro o in criptovalute. La società tedesca fa sapere che questa nuova funzionalità è un ulteriore passo verso la diversificazione del portfolio dei propri utenti. C’è veramente il bisogno di avere questo tipo di funzionalità ? C’è veramente una corsa all’argento ? O forse questo nuovo servizio è stato creato perché la legislazione britannica (il nuovo servizio è stato rilasciato, per ora, proprio in Gran Bretagna) è molto meno rigida di altre sul commercio di metalli preziosi ?

Oltre Manica c’è qualcun altro che sta diversificando l’offerta verso i propri clienti e, secondo me, lo sta facendo in modo molto più oculato e centrato di Revolut: è il caso di TransferWise. La fintech britannica, operante da anni nel settore dei servizi di trasferimento di denaro, ha annunciato di aver ottenuto la licenza, da parte della FCA (Financial Conduct Authority), per offire servizi di investimento al dettaglio ai propri clienti. Un bacino di oltre 7 milioni di clienti in tutto il mondo, 5 miliardi di dollari inviati ogni mese ed oltre 2,5 milioni di dollari depositati nei conti dei propri clienti, sono questi i numeri che devono aver spinto i co-fondatori di TransferWise, Kristo Käärmann e Taavet Hinrikus, ad offrire investimenti su fondi gestiti da terzi. Questa nuova funzionalità andrebbe ad intercettare il bisogno che i titolari dei conti hanno di ottenere un rendimento dalle somme depositate. Anche in questo caso, il nuovo servizio sarà inizialmente attivo in Gran Bretagna per poi essere distribuito in tutte le country dove TransferWise è attivo.

Uno degli incentivi all’uso delle carte di pagamento che potrebbe, realmente, aumentare in maniera esponenziale il numero dei pagamenti elettronici è quello della commercializzazione di carte biometriche. Tale tipologia di prodotto viene studiata da tempo (i primi studi sono di 15 anni fa) e tanti sono i prototipi attualmente testati; considerando la sostanziale diminuzione dei relativi costi tecnologici , che abbiamo registrato negli ultimi tempi, è giunto il momento di un lancio massivo di questo strumento di pagamento. L’utilizzo di queste carte eviterebbe la digitazione del PIN sul POS del negozio e supererebbe l’annoso problema della soglia oltre la quale non si può procedere ad una transazione in modalità contactless. Con questo nuovo tipo di carte si ridurrebbero, inoltre, i numeri dei casi di frode, consentendo ai cittadini di usare il denaro elettronico con più tranquillità rispetto al presente, poiché l’autorizzazione al pagamento avverrebbe tramite la scannerizzazione della propria impronta digitale. Altro punto a favore è rappresentato dal fatto che l’autorizzazione biometrica è utilizzata già in altri ambiti (vedi sblocco degli smartphone, scan al controllo passaporti) e quindi potrebbe risultare familiare ad una buona percentuale di persone. Questo potrebbe essere il passo definitivo verso la cashless economy e metterebbe a tacere tutte le discussioni e le prese di posizioni che siamo costretti a sentire ogni giorno.

A prestissimo e … mai paura !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...