Ferragosto tra il debutto di SamsungPay Card e i servizi finanziari di Facebook

Come molti di voi già sapranno, il termine Ferragosto nasce nell’antica Roma e deriva dal latino Feriae Augusti, riposo di Augusto; fu proprio l’imperatore Augusto ad istituire un giorno di riposo per tutto l’Impero, che coincideva con la fine dei faticosi lavori agricoli estivi. In questo giorno, tra l’altro, venivano organizzate anche delle corse dei cavalli ed ai vincitori veniva consegnato il cosiddetto “pallium”, che consisteva in un drappo di stoffa pregiata (da qui deriverebbe la tradizione di correre il Palio di Siena il 15 agosto). Con l’avvento del Cristianesimo, la festività ha progressivamente perso il suo significato pagano per arrivare ad essere associata ad una delle maggiori feste cristiane, l’Assunzione di Maria.

Quest’anno il Ferragosto ci ha portato due interessanti novità: il debutto di SamsungPay Card in UK e l’annuncio, da parte di Facebook, della nascita di Facebook Financial. Di SamsungPay Card ne avevamo già parlato tempo fa e, da qualche giorno, è possibile richiederla in UK. La carta si appoggia sul wallet di Curve e permette al cliente di riunire, sotto un’unica carta targata Samsung, le proprie carte, sia credito che debito, dei circuiti Visa e Mastercard (è in corso di attivazione anche il servizio per le carte Amex). All’interno del wallet è possibile visualizzare tutte le transazioni effettuate e raggrupparle per categorie merceologiche al fine di meglio monitorare le proprie spese. Al wallet è agganciato anche un programma di cashback (il 5% su tutti i prodotti acquistati dal sito Samsung.com e l’1% su tre merchant a scelta tra quelli proposti da Curve). Per ora sembra che la marcia di SamsungPay Card sia più veloce di quella della Apple Card e, secondo me, continuerà ad essere così; il prodotto di Apple sembra eccessivamente tarato per il mercato americano, mentre quello di Samsung ha un respiro più europeo. Si accettano scommesse su chi per primo sbarcherà in Italia.

Oltre Atlantico, Facebook, per bocca di David Marcus (uno dei fondatori di Libra), annuncia la nascita di una divisione che permetterà l’integrazione di servizi finanziari nella piattaforma social: Facebook Financial (denominata F2). Da un tweet dello stesso Marcus, sembra che la divisione nasca per armonizzare i vari servizi di pagamento nati all’interno delle varie piattaforme di Zuckerberg: WhatsAppPay, FBPay, Novi. Nello stesso tweet, Marcus rassicura i lettori circa le sorti di Libra e del suo wallet Novi: “continuerò a dirigere direttamente Novi”. Il percorso della nuova divisione, affidata all’ex PayPal Stephan Kasriel, non sarà facile, così come non sono stati facili sinora gli sviluppi di WhatsAppPay e Libra, ma, come ben sappiamo, alta è la determinazione di FB. Probabilmente si tenterà di fare tesoro delle ripetute aperture da parte della Federal Reserve e della OCC (Comptroller of the Currency) sulle criptovalute. Anche in questo caso il mio commento è lo stesso fatto sopra per la AppleCard : ok in USA, ma per la traversata atlantica prevedo tempi biblici, e spero che questo tempo serva alla Comunità Europea per attrezzarsi con wallet digitali e CBDC.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...